Il contenuto duplicato è definito come qualsiasi grande insieme di testo o codice sorgente su una pagina web che corrisponde completamente – o è molto simile – a un’altra pagina web. Il contenuto duplicato può essere di due tipi: interno, quando la duplicazione avviene all’interno dello stesso sito web in quello che in gergo marketing viene definito ‘cannibalizzazione delle pagine’; esterno, quando viene importato all’interno del proprio sito web un contenuto o un testo uguale o troppo simile a quello di un sito terzo.

Perché i contenuti duplicati sono pericolosi

I contenuti duplicati hanno un impatto negativo sulla classifica organica della SERP. Ma non solo, visto che vanno anche a danneggiare la reputazione di un marchio, sia agli occhi dei clienti che a quelli dei diretti concorrenti.

L’obiettivo dei motori di ricerca come Google è trovare ciò che l’utente sta cercando. Per offrirti una buona gamma di possibilità che ti consentano di farlo nel modo giusto, Google deve conoscere i diversi contenuti che appaiono su Internet e identificare quale rappresenta un valore aggiunto per l’utente.

Per questo motivo Google scarta i contenuti duplicati e conserva le pagine che ritiene originali e utili per gli utenti.

Quando parliamo di contenuti duplicati, non ci riferiamo solo ai contenuti che un sito web ha copiato da un altro, ma parliamo anche dei contenuti che abbiamo su pagine diverse dello stesso sito web. È molto comune che in un negozio online si verifichino problemi di contenuto sottile, derivati ​​dall’impaginazione o dai filtri dei prodotti.

Quali sono le cause più comuni che generano contenuti duplicati

L’esempio più frequente di contenuto duplicato è di tipo interno e si verifica nei negozi online. Questo tipo di sito web ha diverse categorie di prodotti, la cui struttura e design è sempre la stessa (cambiano solo i prodotti visualizzati e i link ad essi associati). Ma la base è la stessa. E lo stesso vale per le schede prodotto. Per non parlare dei filtri.

Stessa struttura, su molte pagine, che il bot fa fatica a identificare. I bot hanno difficoltà a distinguerli e a dar loro più o meno rilevanza. Ecco perché è importante creare testi originali per le pagine di un e-commerce, al fine di ottenere buone performance nelle ricerche organiche .

Ma, oltre ai testi, possono verificarsi contenuti duplicati a causa di problemi tecnici di cui non siamo a conoscenza:

Dominio: il tuo dominio canonico sarebbe quello configurato come https://www.esempio.com. Tuttavia, la tua pagina potrebbe essere accessibile utilizzando altre versioni di dominio non canoniche (come https://www.esempio.com, https://esempio.com o https://esempio.com). Per risolvere questo problema, dovresti impostare reindirizzamenti 301 nelle opzioni che non sono canoniche.

Filtri: anche se per chi visita la pagina i filtri sono di grande aiuto, per noi non lo sono tanto. Il problema con i filtri è che, quando ci sono più opzioni, possono creare infinite combinazioni di URL, tutte con lo stesso contenuto. Per evitare contenuti duplicati, gli URL canonici dovrebbero essere utilizzati per ogni pagina senza filtri.

Localizzazione: possono verificarsi problemi di contenuto duplicato se utilizzi lo stesso contenuto per scegliere come target regioni diverse che parlano la stessa lingua o se si tratta dello stesso contenuto, ma tradotto. Per risolverlo, sarebbe necessario creare collegamenti hreflang che informano che il contenuto è indirizzato a diverse aree.

Come affrontare ed evitare i problemi di contenuto duplicato

Una volta identificato il problema è necessario adottare misure per risolverlo. Ti consiglio di fare quanto segue:

1. Crea contenuti originali per ciascuna delle pagine del tuo sito web che ti interessa far apparire nelle classifiche. LingoYou, oltre a svolgere la traduzione e la localizzazione professionali della tua attività in un nuovo mercato, eroga anche un servizio di copywriting persuasivo per la creazione di contenuti freschi che catturino l’attenzione del tuo pubblico.

2. Se devi mantenere alcune pagine con contenuti molto simili , usa la canonizzazione, per dire a Google quale va bene.

3. Non lasciare che i bot eseguano la scansione di pagine che non ti interessano, usa il meta tag Noindex.

4. Elimina le pagine che non ti interessano e reindirizza a quelle che ti interessano. Affinché i bot non sprechino il crawl budget su pagine che non sono di tuo interesse, il modo più veloce è eliminarle. Ma non dimenticare di eseguire il reindirizzamento corrispondente in modo che i bot non incontrino un errore 404 la prossima volta che tentano di eseguire la scansione di quegli URL.

5. Utilizza lo strumento per rimuovere gli URL dai risultati di ricerca e accelerare il processo affinché Google interrompa l’indicizzazione e l’esame di tali pagine.

Adattare il messaggio al canale di comunicazione e al mercato di riferimento

Come abbiamo visto in precedenza, una delle cause che più di frequente portano alla duplicazione dei contenuti avviene durante l’attività di localizzazione di un sito web. Per tradurre correttamente i contenuti, dobbiamo prima adattare il messaggio al canale di comunicazione altrimenti potremmo perdere opportunità di vendita. Per fare un esempio, non è lo stesso tradurre un articolo per il blog aziendale di un’azienda, dove l’utente è più propenso a fermarsi a leggere nel dettaglio, che scrivere un annuncio da pubblicare sui social, il cui messaggio deve essere originale e persuasivo per catturare la loro attenzione e deve essere accompagnato da emoticon, call to action, hashtag, ecc. Ecco perché è così importante utilizzare tecniche di scrittura persuasiva o copywriting .

D’altra parte, bisogna prestare attenzione alla variante dialettale che si parla nel paese o nel mercato a cui è diretto un sito web, una campagna, uno spot pubblicitario, ecc. Non possiamo ignorare il fatto che i nostri utenti possono condividere la stessa lingua ma risiedere in paesi diversi e parlare varianti linguistiche diverse.

Infine, dobbiamo decidere quale sia il livello di formalità più appropriato a seconda dei casi: nel caso dell’Italia, dobbiamo decidere quando trattare i nostri potenziali clienti con il “tu” o con il “voi”, a seconda del contesto e del pubblico di destinazione.

Marketing Team LingoYou

Chiamaci

+39 0282957101

Mandaci una mail

[email protected]

Contact Form
close slider